Drio sto canae unc˛
da "El sfrato" de Luciano Rosada

torna indrio

 

Drio sto canae unc˛
pare che s'abia
fermÓ el tenpo,
tuto xe fato de siÚnsio.
A te vedi sý...
ma poco gnente.
Xe bonassa e tanta burana
e, torno a mi,
vodo.
Anca i crocÓi
pare stÓ ingiotii
da sto biso,
da sto siÚnsio.
Scolto
e me pare de sentire
'e aneme, che respira isiŔro,
dei canpi, del'Órsare e del canae,
anca se i pare tuti morti,
invesse l'Ŕ proprio
el so respiro
dopo vere ciapÓ el sono
pin pianŔo,
sˇto sta c˛lsara pesante
che cuerse tuto
come na mama
piena de premure.