Dala racolta de proverbi veneti del Mestro

 
I fioi visti dai nostri veci

torna indrio

 

A tusi e mati no se comanda.
Chi che ga solo on porzelo lo ga belo, chi ga solo on tosato  lo ga mato.
Chi ghe n'a in cuna no diga de nissuna.
Chi nasse de Lujo no speta comare.
Conpare de anelo pare del primo putelo.
Costa dep on vizio che diese fioi.
De San Martin se sposa la fiola del contadin.
El pare f la roba, i fioi la vende.
Fioi da slevre, fero da rosegare.
Fioi picoli, pensieri picoli; fioi grandi, pensieri grandi.
I fioi no porta carestia.
I fioi vien dal cuore, el maro dala porta.
Mjo du vivi (fioi) che uno morto.
Mjo fare on toso che fare na polenta.
Mjo pinzarli morti inocenti che vivi delinquenti.
On pare mantien sete fioi, sete fioi no xe boni de mantegnere on pare.
Pare che guadagna, fioi che magna.
Quando che'l pitoco mete le braghe sol leto ghe nasse on fiolo.
Rechie-meterna, chi che li ga fati se li guerna.
Se i dise male de to fiola, ciama la comare.
Tndare le tose e btare le nose xe tenpo perso.
Tuti semo fioi de Adamo. 

Numero Proverbi sora largomento: 22