Dala racolta de proverbi veneti del Mestro

 


A    B    C    D    E    F    G    H    I    L    M
N    O    P    Q    R    S    T    U    V    X    Z
mm

Tuti i proverbi che taca co la "Q"

torna indrio

 

Quando a Novenbre el vin no xe p mosto, la pitona xe pronta  par el 'rosto.
Quando a Otobre scurisse e tna, l'invernada sar bona.
Quando canbia on prete, tra fare e desfare l' tuto on laorare.
Quando canta le grole* ghemo burasca par tri d.
Quando ch'el gato dorme i sorzi bala.
Quando ch'el xe taj e inbasto ogni cuco ghe va drio.
Quando che l'Anzolo Michele se bagna le ale piove fin a Nadale.
Quando che l'aqua toca el culo tuti inpara a noare.
Quando che l'omo xe pien de vin el te parla anca in latin.
Quando che l'omo xe stim el pole pissare in leto e dire che'l ga su.
Quando che la barca va ogni cojon la para.
Quando che la merda monta in scagno, o che la spuza o che la  f dano.
Quando che la spiga ponze, la sardela onze.
Quando che la zuca se ingrossa el peclo se seca.
Quando che manca el gran le galine se beca.
Quando che manca i cavai i mussi trota.
Quando che no se pole ciapare el pesse se ciapa le rane.
Quando che piove col sole le strighe f l'amore.
Quando che piove el d de San Gorgon, piove par na stajon. (9/9)
Quando che piove i mati se move.
Quando che se sente el ton da calche parte piove.
Quando che te magni la nspola, pianzi.
Quando che tira vento, ghe xe fredo co ogni tenpo.
Quando che tuti te dise inbriago, va in leto.
Quando che uno sa fare i capi el pol farli par qualunque testa.
Quando che uno xe inbriago, tuti vol darghe da bvare.
Quando che'l fumo va in tera, burasca se spera.
Quando che'l galo canta zo de ora, doman no xe p el tenpo de 'sta ora.
Quando che'l pitoco mete le braghe sol leto ghe nasse on fiolo.
Quando che'l Signore vuole castigare uno el ghe manda l'ispirazion o de sposarse, o de torse on musso o      on'ostaria.
Quando che'l sole indora, nieve, nieve e nieve oncora.
Quando che'l sole se volta indrio, xe belo anca el d drio.
Quando che'l sorgo rosso el mostra el muso, xe ora de tore la roca e el fuso.
Quando che'l vin no xe p mosto, la castagna xe bona a rosto.
Quando che'l zoba xe par via, la 'stimana xe finia.
Quando Dio vol castigar on omo el ghe mete in testa de maridarse.
Quando el merlo canta d'amore Febraro finisse.
Quando el Venda fa el pan, se no piove oncu piove doman.
Quando la canavera f el penacio, tanta neve e tanto jazzo.
Quando la dona tr l'anca, o no la xe vaca o poco ghe manca.
Quando la forza co la rason contrasta, vinze la forza e la rason no basta.
Quando la merda var calcossa, i poariti nassar senza buso del culo.
Quando la mojre se mete le braghesse, al maro no ghe resta  che le ctole.
Quando la rcola canta, piova tanta.
Quando la rosa buta el spin, magna g e passarin.
Quando le done fa la lissia sola via, l'inverno sbrissa via.
Quando le nuvole va in montagna, ciapa la zapa e va in canpagna.
Quando le nuvole vien dal mare, ciapa i bu e va a arare; quando le nuvole vien dal monte ciapa                  i bu e va ala corte.
Quando Mercurio insaca Giove, in setimana piove.
Quando piove par la Crose, bon el gran, triste le nose.
Quando ruza el fogo, zente, parente o lengua maldizente.
Quando se travasa se beve.
Quando se vede la rana se no piove oncu piove domatina.
Quando semo a San Simon, ogni straza la vien bon.
Quando xe ciara la marina, magna, bivi e va in cusina.
Quando xe ciara la montagna, magna, bivi e va in canpagna.
Quatro a on segon, du a on capon.
Quatro oci vede p de du.
Quel che Lujo no vole, Setenbre no pole.
Quel che se vede no xe de fede.
Quelo che no sfega ingrassa.
Quelo che no strangola ingrassa e quelo che no ingrassa passa.
Quelo che no vien dala porta vien da l'orto.
 

Numero Proverbi: 62