Amiata treki-baic 200318pensieri in joze

 

 

Ormai nissuni parla pý de cunti

o de contesse, o d'i musi unti

che na volta se ciamava nobiltÓ:

adesso tuta quanta sta zente qua

la vive come tuti, laorando

e calchedun el xe finio de sbando.

On posto come quelo so l'Amiata,

visto da la maraja sgangherata,

val la pena, per˛, de ricordarlo;

no solo la sorpresa de catarlo

xe sta grande, ma vedare sol posto,

inveze de on qualunque menarosto,

el conte e la contessa in carne e ossi...

i nostri sete xe restÓ comossi.

Squasi setantazinque ani elo,

pelÓ e drito come on bachetelo;

saludo franco, bel soriso ela,

bianca e alta, co na jachetela

che solo na contessa pol portare;

acoliente e pronta a ciacolare.

Vardarla, la parea proprio na pua

che la magnava, nobile, di'a ua

e Claudio ghe ga dito: "Mia signora,

- metendose on fiÓ col pŔto in fora -

on grazie par averla incontratta,

la nobiltÓ xe oncora intemeratta"

La ua jera bianca, e so la porta

a ghe ne jera, forse, 'nantra sporta.

DE sto incontro particolare bisogna parlarne depý, che la rima da ela sola no basta. Co di'e informazion pý precise, la trupa s'Ó voltÓ e la ga ciapÓ zo par na dissesa e, passÓ par on ponteselo de mile ani, la xe rivÓ davanti a on arco che se vedea che na volta ghea da essare on porton. Resti de na vecia mura e na tabela che spiegava: questa xe na Contea, cioŔ on posto dove che ghe stasea i conti e, adiritura, on cardinale che dopo xe deventÓ Papa che desso la redazion no se ricorda co che nome. La xe sta na emozion grande passare la porta e catarse so on borgheto. E chi xe che conpare? Proprio el conte e la contessa. Dito ili! Tuti du alti e driti come na canavera, co on fare proprio da nobili. "Buongiorno signori, qual buon vento...?", ga dito ela, caviji bianchi, ben vestia e intenta a magnare, co fare nobile, on bel graspo de ua pirolona. Elo, alzando el brazo par mostrare la direzion, in do parole el ga spiegÓ al cartografo par dove 'ndare. Claudio, in particolare, xe restÓ inmatonio dala copieta, tuti du sora i setantani de sicuro, ma cussý bei e veri che, pý tardi, ghe xe vegn¨ da dire: "Quelo de oncu˛ xe sta propio on giro nobile".

DA lý a perdarse xe passÓ poco pý de on quarto de ora. Prima de lý, ma se ga savesto solo dopo on mese a casa, le indicazion le jera sta talmente precise che i sete viandanti del pedale no xe gnanca passÓ a vedare na maraveja del posto, fotografÓ so tuti i depilantes dele pro-loco: na cascata conossia anca dai Romani e dai Etruschi prima de ili. Aqua che casca doparÓ da milanta ani par fare 'ndare di' mulini che masenava par tuta la valata, no so sa me spiego e se vu me capý! A ogni modo al grupo ghe jera sta dÓ le spiegazion juste ...par perdarse! Dopo la contea, infati, el sentiero jera belo, ma el xe anca finio so la sfalto dove che uno del luogo el ga fadigÓ sete camise parchÚ no se capissa quelo che'l disea. I omani ga dovesto ranciarse a catare el sentiero justo. CatÓ..!

catÓConteanapersanaCascatala cascata
de Vivo d'Orciapar chý se vain Contea